Oltregiogo – La valle dei castelli

Ci s’inebria del profumo di mosto mescolato alla brezza marina in queste terre incastonate tra Piemonte e Liguria, dove ogni paese vanta il suo castello. Davanti ai massicci torrioni del castello di Lerma, ricamati da archetti e finestre merlate, si ripassano lezioni d’architettura medievale, rielaborata a fine ’800 nel castello di Tagliolo Monferrato dalla mano esperta dell’architetto Alfredo d’Andrade. La sosta a Rocca Grimalda regala visioni di giardini incantati e avvincenti racconti di duelli, maschere e Carnevali di antica tradizione. Si percorrono ancora alcuni chilometri ammaliati dai freschi aromi dell’uva Cortese prima di avvistare in lontananza il forte che incombe, grandioso e severo, sull’antico borgo di Gavi, annunciando la fine del cammino. Un viaggio per toccare con mano la lunga e travagliata storia della regione dell’Oltregiogo, seguendo le tracce e le testimonianze di incursioni e conquiste che hanno lasciato l’affascinante eredità di fortezze e castelli difensivi a vegliare su ogni borgo.

scopri tutte le offerte di oggi

Come un salto nel tempo queste testimonianze ci raccontano le contese tra la Repubblica di Genova, il Ducato di Milano e il Marchesato del Monferrato. Si raggiunge subito uno dei più antichi e spettacolari castelli dell’Oltregiogo, quello di Lerma, del quale si può scoprire l’orgoglioso passato medievale ammirando il torrione rotondo a picco sul fiume Piota. Il severo castello su cui si tramandano arcane leggende accoglie intatto all’interno della cinta muraria l’antico “ricetto”, il primo nucleo del villaggio in cui si può passeggiare circondati da suggestivi portali in pietra e caratteristici elementi in cotto. La seconda tappa rimanda l’immaginazione addirittura all’anno Mille, cui risalgono le prime notizie del castello di Tagliolo Monferrato. Il castello restaurato oggi è un affascinante esempio di restauro in stile ottocentesco, modificato secondo il gusto neogotico dal pittore-architetto Alfredo d’Andrade. Ed è emozionante visitare gli ambienti delle sue secolari cantine, piene dell’aroma di mosto e del profumo del Dolcetto e del Barbera, che riposano per mesi in questi ambienti sotterranei in barriques e in antiche botti di rovere di Slavonia. Si guadagna un promontorio che domina la Valle dell’Orba per scoprire il castello di Rocca Grimalda e ammirare il delizioso giardino pensile d’impianto settecentesco. Alla rivolta del popolo contro il Signore del paese si fa risalire il tradizionale rito carnevalesco della Lachera, un’allegra fusione di danze e rappresentazione teatrale. Si giunge infine, accompagnati dai nobili filari d’uva Cortese che disegnano la campagna, in vista del forte di Gavi, edificato in un punto strategico e panoramico sulle antiche vie di transito tra il Mar Ligure e la pianura padana.

Il territorio dell’Oltregiogo

Scopri qui l’itinerario stradale per andare alla scoperta di questa splendida zona: https://www.autostrade.it/sei-in-un-paese-meraviglioso/itinerario-gioviest.html?it=419

Il 2019 è un anno ricco di appuntamenti. Puoi trovare qui i progetti del Distretto Culturale e Ambientale dell’Oltregiogo: http://www.oltregiogo.eu/Oltregiogo/Home.html

Fonte: autostrade.it
Annunci