Pernigotti, ennemisa sconcertante decisione dei Toksoz

La doccia fredda arriva direttamente dalla Spes, la cooperativa di Torino, con la quale i Toksoz avevano stipulato un contratto preliminare per la cessione del ramo cioccolato e torrone. Secondo la cooperativa di Torino alla base della scelta dei turchi ci sarebbe l’impossibilità di trovare un accordo per il comparto gelateria con l’imprenditore emiliano Giordano Emendatori. Per la Spes una decisione veramente sconcertante quella presa dalla famiglia turca proprietaria dell’azienda dolciaria novese.

scopri qui tutti gli sconti

Di Donna, presidente della Spes, assicura che il 2 ottobre saranno presenti all’incontro al Ministero dello sviluppo economico dove ci si aspetta di capire le reali ragioni che hanno portato Pernigotti a chiudere la trattativa anche con la cooperativa torinese. Di Donna aggiunge anche che, in quell’occasione, si proverà a riaprire la trattativa purché venga assicurato, ancora una volta, un percorso seriamente volto alla reindustrializzazione con impegni e tempi certi a tutela di tutti i soggetti coinvolti. Il presidente Di Donna assicura come il progetto della sua Spes avrebbe potuto rilanciare il sito produttivo assicurando l’assunzione di tutto il personale e la valorizzazione del territorio novese.

Purtroppo però, ad oggi, sembra che tutte le trattative di questi mesi siano state inutili.

Annunci